Al Via i Controlli sulle Caldaie

Partiranno a breve i controlli sulle caldaie dei frusinati.

 

Dopo i provvedimenti ambientali riguardanti il traffico l’amministrazione comunale ha deciso di far partire la verifica anche alle caldaie casalinghe.

 

Gli impianti termici infatti sono ritenuti i principali

responsabili delle emissioni in atmosfera delle polveri sottili. La visita a domicilio sarà annunciata dalla Apef (la società incaricata dei controlli). l’utente sarà avvisato almeno 15 giorni prima della “visita”.

 

La comunicazione arriverà tramite lettera raccomandata o posta prioritaria, indicante la data e le modalità di esecuzione del controllo. Verrà richiesta la presenza sul posto del responsabile dell’esercizio e della manutenzione dell'impianto (proprietario, occupante, amministratore o terzo responsabile), o di una persona da lui delegata.

 

L’addetto alla verifica controllerà che gli impianti siano gestiti e manutenuti in modo conforme a quanto disposto dalla legislazione e dalle normative tecniche applicabili. Inoltre, limitatamente alle parti visibili o a quanto controllabile con gli strumenti di usuale dotazione, verificherà lo stato delle coibentazioni, dei condotti di evacuazione dei prodotti della combustione, oltre che dei dispositivi di regolazione, controllando la temperatura del generatore.

 

Saranno oggetto di controllo anche la presenza e l’idoneità dei sistemi di aerazione dei locali in cui è installato il generatore di calore e l'esistenza del cartello, nei casi previsti dalla legge, indicante i periodi di funzionamento dell’impianto e la zona climatica di appartenenza dello stesso.

 

A controllo avvenuto, l’incaricato provvederà alla compilazione di un verbale (Rapporto di Prova) corredato di un documento da cui dovranno risultare i dati previsti dalla normativa, rilevati e calcolati, con l’eventuale giudizio di rispondenza.

Scrivi commento

Commenti: 25
  • #1

    ... (martedì, 02 gennaio 2018 17:44)

    non sanno più come fare per prenderci i soldi. Tassa sulle caldaie, tassa sulle biciclette, tassa sui sacchetti di plastica, aumenti dell’elettricita, del gas, delle autostrade, sull’aria che respiriamo e sull’anima dei mortai loro. Ormai ci tassano tutto, anche l’inimmaginabile ... in compenso però ci hanno dato 80 euro ed a qualcuno li hanno pure ripresi.
    Ricordiamoci quando andiamo a votare, questo solo per chi ancora ci va’ chiaramente.

  • #2

    Susy (martedì, 02 gennaio 2018 18:17)

    Le luci dell'agenzia delle entrate sono accese di notte, in molte scuole non c'è il riscaldamento abbiamo scuolabus degli anni 80 e rompono le palle con le caldaie

  • #3

    ? (martedì, 02 gennaio 2018 18:55)

    Il pronto soccorso è pieno di gente che non da un centesimo allo stato italiano, le scuole sono piene di bambini per i quali i genitori non pagano nulla per quel servizio, gli ambulatori medici sono pieni di cittadini stranieri che vengono curati gratis 365 giorni all’anno. Tutti i servizi essenziali, per i quali noi paghiamo laute quote allo stato, vengo forniti gratuitamente agli “ospiti”.
    Mi verrebbe da dire: ma quei signori che ci chiedono il voto da che parte stanno?
    Qualcuno sa rispondere?

  • #4

    tanti (martedì, 02 gennaio 2018 20:13)

    Stanno al centro con un piede a sinistra r uno a destra

  • #5

    Per ... (martedì, 02 gennaio 2018 23:05)

    Le luci sono accese ovunque per una questione di sicurezza,le caldaie accese nelle scuole chiuse per le festività natalizie invece vanno bene per scaldare chi?i muri?
    Il bollino della caldaia è sempre esistito ma non è mai stato ne rispettato ne controllato ed è per l’inquinamento ambientale,e per non parlare di chi ha i termosifoni accesi h24 a 40 gradi senza rispetto per l’ambiente e non pagano neanche le così dette tasse!
    Chi lo prende in culo è chi ha un lavoro onesto e paga le tasse da sempre!sia per l’italiano che si crede furbo e sia per la merda che entra!

  • #6

    Ch (martedì, 02 gennaio 2018 23:59)

    Chiaramente have te ragione tutti in particolare il numero 3

  • #7

    Perché (mercoledì, 03 gennaio 2018 08:19)

    i comuni non propongono una class action contro Audi Volkswagen che hanno fatto e fanno circolare sui loro territori autovetture con centraline taroccate a difesa e tutela dei loro cittadini e territori. Forse perché proporre una causa dagli esiti incerti e lunghi per un eventuale risarcimento non conviene usando lo stesso risultato (economico) si può raggiungere più celermente in casa propria?

  • #8

    un lettore (mercoledì, 03 gennaio 2018 08:28)

    Bravo il nostro comune di Frosinone controlla la caldaie a GAS e loro hanno macchine comunali degli anni trenta. ma dopo non fate la pubblicità che il metano non inquina ? ma fatemi il piacere diceva un grande (TOTO) non sapete dove prendere più i soldi avete rotto le palle le caldaie lo sapete benissimo che almeno una volta l'anno la controlla un tecnico e allora volete solo regalare dei soldi alla società che deve effettuare questi controlli.

  • #9

    cittadino (mercoledì, 03 gennaio 2018 08:38)

    Frosinone negli ultimi cinque anni ha perso più di quattromila Abitanti ci sara' un motivo perché vogliono risiedere fuori citta ? Ottaviani guardati un po' intorno come e' ridotta Frosinone strade piene di buche illuminazioni fatiscenti dopo che avete speso milioni di euro servizi inesistenti cittadini che scappano ecc ecc possiamo continuare all'infinito adesso controlliamo le caldaie per vedere se sono a norma bene fate pure ma ogni tanto fate pure una cosa buona andate a ............................

  • #10

    Simone Idraulico (mercoledì, 03 gennaio 2018 13:40)

    I controlli delle caldaie servono a nulla. Oggi le così dette murali hanno una vita breve e comunque non sufficiente a modificare i valori di inquinamento tarati dalla casa madre.
    L’unico vantaggio è rivolto alla categoria alla quale appartengo...lavoro garantito ogni anno.Il problema non sono le caldaie ma la stronzaggine acuta di regione, provincia, comuni. Manca uno stato capace e forte, manca la volontà e la forza per effettuare scelte radicali.

  • #11

    ??? (mercoledì, 03 gennaio 2018 14:13)

    - Manca uno stato capace e forte, manca la volontà e la forza per effettuare scelte radicali -
    ...
    Tipo?

  • #12

    Adry (mercoledì, 03 gennaio 2018 14:59)

    È quelli che hanno lo scarico della stufa a Pellet non a norma? �

  • #13

    X il 12 (mercoledì, 03 gennaio 2018 15:49)

    altro problema le stufe a pellett, praticamente bruciano legna come tutti i camini. Che facciamo, non usiamo più la legna? Se si spengono quelle stufe di devono spegnere anche i camini.

  • #14

    Ci ricorderemo... (mercoledì, 03 gennaio 2018 20:01)

    il 4 marzo, tranquilli...

  • #15

    Tecnico (mercoledì, 03 gennaio 2018 20:54)

    Risposta per Simone, se sei idraulico non appartieni
    alla nostra categoria.
    Hai detto solo baggianate, oggi le caldaie se assiste dai Tecnici, durano oltre 12 anni, se lo fanno gli idraulici durano 3. Poi per tarare i generatori di calore ci vogliono gli strumenti, tarati annualmente e certificati da Enti preposti, quindi cortesemente non dichiararti della categoria, grazie

  • #16

    Per non dimenticare... (giovedì, 04 gennaio 2018 09:28)

    il 4 marzo, tranquilli...

  • #17

    Ah, (giovedì, 04 gennaio 2018 09:43)

    se tutti ci dimenticassimo di andare a votare il 4 marzo, allora sì che vinceremmo noi le elezioni..., una volta tanto.

  • #18

    Ahah (giovedì, 04 gennaio 2018 14:02)

    Tra un po' metteranno la tassa anche sulla separazione delle frequenze dei diffusori acustici. Tu all'interno dei tuoi diffusori hai un crossover che separa i suoni a 4 vie? Bene paghi di più.
    Tu hai un sistema home theatre 7.1 ? Bene 1.000 di tassa perché non è giusto che ascolti l'alta fedeltà quando i nostri governanti non sanno nemmeno cosa sia e=mc2...

  • #19

    incazzato (giovedì, 04 gennaio 2018 15:41)

    non so se gia esiste questa tassa ma se andate a piscia.......... più di due volte al giorno stanno mettendo la tassa sullo scarico del cesso. come loro politici cessi e pure un onore per la categoria.

  • #20

    Non è proprio sullo scarico la tassa (giovedì, 04 gennaio 2018 20:29)

    ... ma sulla patta dei pantaloni. Ogni volta che l’abbassi ... zac, e se non paghi rischi di brutto.

  • #21

    nesuno (giovedì, 04 gennaio 2018 20:55)

    ..Società incaricata APEF.
    .... cosè A. P. E. F.? chi li ha asunti/nominati? con quale selezione/criterio? quanto gauadagnano?

  • #22

    incazzato (venerdì, 05 gennaio 2018 10:36)

    X il commento numero 20 Bella mi piace non avevo calcolato la cerniera dei pantaloni !! penso che a breve si avvera tanto dobbiamo aspettarci di tutto da sti " CESSI " di politici.

  • #23

    raggirato (mercoledì, 10 gennaio 2018 14:23)

    non li fate entrare nelle vostre case. la legge sul controllo degli impianti c'è ed è seria ma questi dell'apef sono tutto tranne che seri. non dicono la verità su quello che fanno, ti riempiono di bugie, fanno di tutto pur di entrarti in casa e farti pagare il bollino da 80 €. attenzione poi ai verbali che compilano, ci scrivono quello che vogliono loro, ti raggirano, si deresponsabilizzano di ogni cosa, ne fanno di cotte e di crude c'è chi si è messo addirittura discutere la proprietà della casa che non c'entra niente con l'ispezione della caldaia. molti non sanno fare neanche la prova fumi. non fateli entrare anche se si inventeranno di tutto pur di farlo, ti racconteranno qualsiasi cavolata, arrivano anche ad offenderti, ho sentito dire che qualche tempo fa uno di questi che passava per le ispezioni e che non venendo ricevuto si infuriava e dava in escandescenza dicendo "io gli scannerei come porci". ripeto non sono persone serie e professionali sono le persone più scorrette della terra, non firmate niente !

  • #24

    nuovo (mercoledì, 10 gennaio 2018 14:29)

    per il commento #21 e per tutti
    l'apef è una società partecipata della provincia di frosinone e soprattutto una società dismessa dalla provincia di frosinone, ma bisogna continuare a farli mangiare.......

  • #25

    fate schifo (giovedì, 11 gennaio 2018 10:41)

    Io non c'ho i soldi per mette il gas e scaldare la mia famiglia e questi fanno i controlli sulle caldaie? Ma quando li impicchiamo a tutti?