Marini al Riesame

Claudio Marini, il regista frusinate di 48 anni accusato di violenza sessuale, ha presentato ricorso al tribunale del Riesame.

 

Come si ricorderà il gip del tribunale di Roma 

dottoressa Mattioli aveva già respinto l'istanza di scarcerazione. Secondo il difensore la misura di custodia cautelare sarebbe troppo restrittiva rispetto al reato. “In fondo - ha dichiarato l’avvocato Mario Di Sora - si sarebbe trattato soltanto di palpeggiamenti.

 

E quella ragazza che lo ha denunciato dicendo di essere stata violentata era invece assolutamente consenziente”. Per quanto riguarda le circostanze aggravanti il legale è convinto di riuscire a dimostrare che il suo assistito non avrebbe mai sequestrato le giovani attrici che stava provinando chiudendole a chiave.

 

A questo da aggiungere che viene contestato a Marini anche di essersi spacciato per regista sotto un falso nome. “Cosa assolutamente non veritiera perché Alex Bell - ha continuato il legale - era il nome d’arte che usava il mio cliente che ha frequentato nella capitale corsi di recitazione proprio per migliorare la sua capacità dietro la macchina da presa”.

Scrivi commento

Commenti: 5
  • #1

    Veramente (martedì, 08 settembre 2020 15:03)

    Non centra nulla, cera da immaginarlo.....

  • #2

    Una cosa sono... (martedì, 08 settembre 2020 15:09)

    ...le lucciole, una le lanterne.

  • #3

    cittadino incazz.......... (mercoledì, 09 settembre 2020 08:57)

    certo va a finire che adesso lo fanno pure santo. perche approfittare di quelle povere ragazze era un opera di bene. e malato uno che fa una cosa del genere. curatelo ma in carcere.

  • #4

    Se... (giovedì, 10 settembre 2020 07:48)

    lo ha fatto è stato un pollo.

    Avrebbe potuto soddisfare i suoi desideri con poco o niente senza problemi e soprattutto senza rischiare di andare in galera.

  • #5

    A cittadino incazz....... (martedì, 22 settembre 2020 14:19)

    ...invece toglierti le mutande e infilarti in un letto pensando che stai a fa' un provino è normale...povere...povere ragazze....